mercoledì 12 marzo 2014

Le mie Riflessioni sulla festa del Papà.

Fra qualche giorno, il 19 di marzo, si festeggerà la Festa del Papà, una ricorrenza molto sentita in molte parti del mondo, apriamo il nostro cuore a piccoli pensieri e riflessioni su questa festa...


Le mie Riflessioni sulla festa del Papà.

Quando penso a questa festa, mi sembra di ritornar bambina e di ritornare indietro nel tempo a  quando ero piccola, alle scuole elementari. E tra le immagini più belle che mi ritornano in  mente,  il ricordo di quando a scuola,  eravamo impegnati con la memorizzazione della poesia, di quanto ogni anno diventava sempre più difficile impararla o  di quando eravamo alle prese con i lavoretti, chi non li ricorda?. Lavoretti che, una volta finiti portavamo orgogliosamente a casa, e nascondevamo con la complicità della mamma.
E poi il momento del pranzo, indimenticabile,  tutti lo aspettavamo con agitazione, per recitare la poesia e per regalare il nostro dono al  papà, quanta emozione nel raccontarla, parole che probabilmente allora erano più grandi di noi, ma la felicità era grande, quando alla fine della poesia, papà ci batteva le mani, ci regalava un abbraccio e un bacio, e rimaneva incredulo davanti al nostro piccolo dono, scene che sicuramente si ripetono tutti gli anni in milioni di case.
Oggi devo dire grazie a mio padre per quello che mi ha insegnato ma anche per le punizioni, chi non le ricorda, allora non le accettavamo, non le capivamo ora sono mamma, e le sue punizioni mi sono servite, mi hanno fatto crescere e mi hanno evitato di sbagliare. Un grazie, non solo per la vita che mi ha dato  ma anche per i suoi sacrifici, sacrifici che mi hanno permesso di continuare a sognare e di vivere senza problemi.
La festa del papà è un bel momento da vivere in famiglia tutti insieme e da festeggiare intorno ad una bella tavola imbandita di cose buone, nel calore  che solo i parenti possono darti. Oggi, noi figli siamo grandi per recitare le poesie a cui sono delegati i nipoti, ma il regalo resta ancora la cosa più bella, e non per la scelta del regalo in se stesso o del suo valore monetario, ma per il semplice gesto che vuole essere, il regalo, è la dimostrazione che è ancora nei nostri pensieri, del nostro calore e del nostro affetto e del bene immenso  che proviamo nei suoi confronti, così come da piccoli lui ci ha dimostrato il suo amore.
Io sono molto fortunata, la festeggerò per ben due volte, con mio suocero e con mio padre, due persone che considero importanti nella mia vita, un tesoro senza prezzo! 

Leggi anche
19 marzo festa del papà: le origini
Le poesie sulla festa del papà
San Giuseppe e la festa del papà