mercoledì 25 novembre 2009

La violenza sulle donne

Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata contro la violenza sulle donne... un momento di Riflessione! In Italia, secondo le recenti notizie e dati Istat, una donna su tre tra i 16 e i 70 anni è stata, almeno una volta, vittima di violenza o maltrattamenti. 

Questo articolo sulla violenza alle donne, un tema purtroppo sempre attuale, è tratto da "Gruppo Operatrici Antiviolenza e Progetti - GEAP,  leggiamolo con molta attenzione...
"La violenza: definirla, trovare le parole per dirlo, è importantissimo. L’esperienza delle donne che hanno frequentato e frequentano i Centri Antiviolenza ci dice che si tratta di ogni abuso di potere e controllo che si manifesta attraverso il sopruso fisico, sessuale, psicologico ed economico. E’, in primo luogo, un crimine, la cui responsabilità ricade su chi esercita la violenza e non su chi da questa viene  colpito."
Che cos’è la violenza fisica:
Ogni forma di violenza contro il tuo corpo e le tue proprietà, quando ti spinge, ti strattona, ti colpisce, distrugge mobili, oggetti, documenti, cose per te particolarmente care.
Che cos’è la violenza psicologica:
Ogni mancanza di rispetto che colpisce la tua identità di persona, quando ti insulta, ti critica continuamente, ti  umilia o ti ridicolizza, ti segue, ti controlla, ti impedisce di vedere parenti e amici, di coltivare i tuoi interessi, minaccia di fare del male ai tuoi figli e alla tua famiglia, quando minaccia di farsi del male o suicidarsi.
Che cos’è la violenza economica:
Qualsiasi modalità di controllo sulla tua autonomia economica, quando ti impedisce di cercare o mantenere un  lavoro, di mantenere un tuo conto in banca, non ti informa sulle entrate o le spese della famiglia, si appropria del tuo denaro o dei tuoi averi, lesina sul denaro da spendere in famiglia se tu non lavori, ti fa contrarre debiti o impegni economici senza consultarti.
Che cos’è la violenza sessuale:
Tutte le forme di coinvolgimento in attività sessuali senza il tuo consenso, sia all’interno che al di fuori della coppia.  Nella coppia, quando il partner ti impone rapporti nonostante tu non ne abbia voglia, ti costringe a guardare o utilizzare materiale pornografico o ad avere rapporti con altre persone contro la tua volontà. Da parte di estranei, quando vieni costretta ad avere rapporti da una o più persone, quando un conoscente, un amico, un collega non accettano che tu dica loro di no.
Che cos’è l’abuso sessuale intrafamiliare:
Quando un tuo familiare o amico ti costringe, o ti ha costretta in passato, a partecipare a rapporti sessuali o a  guardare mentre loro ci si dedicavano, quando queste persone ti hanno coinvolto, magari attraverso il gioco, in attività sessuali.
(Gruppo Operatrici Antiviolenza e Progetti - GEAP)
In questi ultimi giorni i fatti di cronaca si sono riempiti di episodi di violenza, vedi il ragazzo ucciso in carcere, l'uccisione del trans e non ultimo ieri sera l'uccisione di un bimbo di tre anni da parte della madre. La violenza è un azione deplorevole e da condannare, verso chiunque e in qualsiasi sfumatura o tono.
La violenza in generale è un'azione molto intensa che reca danno grave a una o più persone e compiuta da una o più persone che operano sinergicamente. Col termine si indica comunemente l'azione fisica o psichica esercitata da una persona su un'altra (anche se può, nella specificità del termine, includersi l'azione fisica e psichica di un uomo su un animale). La violenza, quindi, non necessariamente implica un danno fisico. L'indurre a un certo comportamento sotto: la minaccia, il plagio, l'imposizione d'autorità contro la volontà del soggetto, sono alcuni esempi di violenza non fisica. La vasta tipologia di azioni del tipo sopra indicato si esprime in un'attività chiamata coercizione o coartazione, in  termini immediati, a lunga scadenza, subdolamente, con secondi fini, ecc. In tutti questi casi la violenza ha lo scopo di indurre nell'altro comportamenti che altrimenti non avrebbe.
(da wikipedia)
Oggi è il 25 novembre una data che non può passare inosservata, è una giornata per dire no alla violenza contro le donne in tutte le sue forme, non solo verso il femminicidio ma anche verso abusi, maltrattamenti e soprusi di ogni genere.
In  tutto il mondo vengono proposte iniziative atte a sensibilizzare verso questo problema, un po' tutti, uomini e donne,   per capire e per non rimanere indifferenti verso questa che è una ferita aperta e mai chiusa verso il genere femminile!
Leggi anche: